, Milan Day
 
 

edit Max

 

La crescita del Milan

 

Sei punti in due partite e quasi zero rischi. La strada appare giusta

Amministrare è un verbo che, negli ultimi anni, è parecchio mancato nel vocabolario del Milan. Non è un verbo che esalta gli occhi nè che è in grado di irradiare di luce chi vorrebbe sempre vedere un gioco ad alta intensità. Però fa sostanza e distingue una grande squadra da una bella squadra. Contro la Spal il Milan fa il suo amministrando quasi senza rischiare. E' una buona notizia perchè più si risparmiano energie contro le piccole, soprattutto negli infrasettimanali, più cresce l'autostima del gruppo.

La veste tattica sembra essere idonea anche se deve ancora superare lo scoglio di squadre di fascia medio-alta. La curiosità sarà quella di vedere il Milan contro formazioni in grado di alzare i ritmi di gioco perchè a ritmi bassi la mediana rossonera tiene botta. Lo dimostrano le occasioni da gol di Udinese e Spal nelle ultime due partite. Rare, quasi nulle. La sconfitta contro la Lazio pare essere stata archiviata con Montella bravo e rapido a passare immediatamente allo step successivo. L'uscita della palla è migliorata perchè lo scarico sull'esterno è più facile e Kalinic davanti offre sempre una buona alternativa in fase di incontro.

Piccoli dettagli che fanno grandi partite. Come le prestazioni di Frank Kessiè, arrivato a Milano in qualità di mediano e diventato piano piano il vero e proprio giocatore box to box del Milan. Montella a fine gara con la Spal lo ha elogiato in tutti i modi, ma gli aggettivi non bastano. Il Milan ha preso un giocatore da ciclo, di quelli destinati ad impattare notevolmente sulla squadra e sulle sue stagioni. Onore a Mirabelli che, da un anno, lo seguiva.

La trasferta di Genova e la partita in casa contro la Roma sono adesso due partite fondamentali che diranno tanto di quello che siamo, di ciò che possiamo essere e soprattutto di ciò che non siamo. Vanno seguite e pesate. Conteranno i punti e la personalità con cui il Milan occuperà il campo. Dopo ci sarà la sosta di ottobre e sarà una occasione utile per tracciare un primo bilancio di questo nuovo Milan. Parziale ma assolutamente doveroso.

 

 

edit Piero

 

Raiola, Bonucci ed altro...

 

Ma se lui si ritiene uno dei procuratori più potenti del pianeta calcio perché ha bisogno di parlare tanto? Forse ha ragione Sarri quando dice che "Raiola attacca sempre quelli che non gli fanno guadagnare dei soldi"? È un caso che finito il mercato l'ex pizzaiolo di Nocera sia tornato a dare "lezioni di vita" a destra e manca? Naturalmente dopo il parere "piccato" rilasciato da Mirabelli su di lui era prevedibile aspettarsi la controffensiva, soprattutto perché poi il Milan ha perso la sua prima partita stagionale. Raiola ci vuole far sapere che rispetta Fassone e Mirabelli ma non crede assolutamente nella bontà del loro progetto, anche perché non riesce a capire chi sia il vero padrone del Milan. Ci vuole far sapere che la permanenza di Donnarumma al Milan è dovuta solo ed esclusivamente ad una scelta del ragazzo e della sua famiglia, non certo a lui che non credendo al progetto lo avrebbe portato altrove. La sensazione è che abbia voluto mandare un messaggio più a Gigio ed alla famiglia piuttosto che al Milan. Ma per come si stanno mettendo le cose è possibile che la prossima estate si presentino due possibili scenari: o Donnarumma (e famiglia) divorzia da Raiola, o Donnarumma divorzia dal Milan. Non vedo vie di mezzo. Nel frattempo prepariamoci ad una intervista e ad esternazioni ogni qual volta il Milan sarà in difficoltà: lui ne approfitterà per sottolineare che ad aver ragione è sempre e solo lui. Pazienza, consoliamoci che nel l'uno o nell'altro caso potremmo toglierci dalle scatole questo incommentabile personaggio. Io intanto chiedo una cosa: ma a noi, di tutto quello che pensa Raiola del Milan e dei suoi progetti, del Napoli e del fatto che Sarri ed Insigne lì siano sprecati, e di Ventura e del fatto che non avrà le palle per fare fuori Buffon a vantaggio di Donnarumma per Russia 2018 (ammesso che ci arriviamo), che cosa ce ne importa? Una delle conseguenze dell'avere dei figli piccoli è che vieni a scoprire dell'esistenza di un certo Rovazzi, che poi ascolti e ti rimane impresso perché canta una canzone in cui dice: "Ti mostro il ca..... che me ne frega!". Ecco, questo è quello che penso. Del suo parere non ce ne frega un cazzo; se il suo assistito sceglierà lui a noi allora basta che ci porti qualcuno con una valigetta con dentro 75 milioni e saremo tutti contenti. Ah, a proposito: sono in completo disaccordo con chi dice che Mirabelli avrebbe dovuto evitare di rilasciare le dichiarazioni che ha rilasciato su Raiola! Per me Mirabelli ha tutto il diritto di dire quello che pensa, anche se questo può disturbare qualcuno. Soprattutto se questo qualcuno non molto tempo fa disse che "i cinesi dell'Inter è gente seria, quelli del Milan invece fanno solo delle figure di merda".

Per quanto tempo ancora dovremo assistere al ping pong su Bonucci? Il Milan perde o anche solo prende gol? Allora via alle critiche a Bonucci e sfottò per il Milan ed i milanisti per aver speso 40 milioni per uno "scarto" della Juve. La Juve perde e prende tre gol a Barcellona? Ed ecco che i milanisti fanno notare quanto pesi l'assenza di Bonucci nella difesa bianconera. È forse il caso di fare basta! La sostanza della questione è questa: Bonucci è arrivato al Milan in una fase della sua carriera in cui era unanimemente considerato uno dei migliori difensori del mondo. Ed allora il giudizio su di lui non può cambiare solo perché ha cambiato maglia, nė tanto meno i tifosi juventini, mossi dall'invidia e dalla rabbia, debbano a tutti i costi far passare la teoria che Bonucci sia arrivato al Milan perché la Juve lo ha scaricato ed ha rifilato una sola ai rossoneri. Bonucci è una grande giocatore ed è nel pieno della sua maturità calcistica; come tutti può passare periodi di appannamento, ma è il caso di smetterla (anche da parte dei media) di volerlo mettere a tutti i costi in cattiva luce per ogni cosa che non fila liscio nella squadra di Montella. Equilibrio ed obiettività please, e non usarlo strumentalmente per distogliere i riflettori dai casi che invece andrebbero approfonditi sulle altre squadre.

Infine, proprio nel giorno dell'esordio del Milan in Europa League e del possibile cambio di modulo, mi permetto di fare una annotazione. 4-3-3, 3-5-2, 3-4-1-2 oppure 3-4-2-1: prima ancora di stare a fare lunghi discorsi sui cambi di modulo, è necessario che la squadra prima di tutto cambi atteggiamento in campo, a prescindere dal modulo che viene adottato. Sin da subito, sin da Vienna!

 

edit Max

 

Forza Milan oggi come ieri

 

Si pensava che certe dinamiche fossero ormai alle spalle e che la profonda divisione fra i tifosi del Milan che, negli ultimi tempi, aveva dilaniato una tifoseria bella come la nostra, potessero finalmente essere archiviati. Ed invece, complice la pausa di campionato, complice qualche protagonismo di troppo, sembra essere ripiombati in epoche non troppo lontane dove si faceva a gara a chi è più rossonero e dove l'appartenenza veniva mischiata con le idee, legittime, che ogni tifoso poteva avere sulla dirigenza del club, sulla squadra, sull'allenatore.

Dal mio personale punto di osservazione non mi sento di entrare nel merito delle ultime polemiche molto social che si sono scatenate. Non credo ne valga la pena, nè penso che le stesse rivestano chissà quale ordine di importanza.

Mi preme tuttavia ribadire un concetto molto semplice e chiaro che, a troppi, negli ultimi anni è sfuggito: essere tifosi del Milan è un privilegio che bisogna meritare ogni giorno ed il Milan si supporta sempre, nei momenti in cui le vacche sono grasse e nei momenti in cui le vacche sono magre. Confondere le opinioni ed i giudizi col supporto alla squadra o con la pretesa di individuare chi è tifoso o meno, mi appare quasi come una eccellente caricatura dei propri difetti.

Noi come Milan Day abbiamo sempre difeso la squadra con onore e con affetto anche quando non c'erano i soldi per acquistare un semplice giocatore. Continueremo a farlo anche in futuro, adesso che le disponibilità finanziarie del Milan sembrano decisamente più floride. Non abbiamo timore di stare vicini al Milan perchè ci viene naturale.

Solo una cosa non possiamo accettare: le lezioni di tifo di chi, singolarmente, tifava contro il Milan chiamandolo Giannino. Ognuno faccia ciò che crede nella vita ma prima di salire in cattedra per dare lezioni dottorali sul tifo si faccia un piccolo esame di coscienza. E forza Milan sempre!

 

edit Max

 

Primi bilanci ed una preghiera

 

 Settimana proficua per il Milan che ipoteca il passaggio all'Europa League con un netto 6-0 contro una onesta e volenterosa squadra macedone, liquida il Crotone con un secco 3-0 nella prima giornata di campionato e presenta ufficialmente il nuovo centravanti, il croato Nikola Kalinic.

Leggi tutto...

edit Piero

 

Un top per l'esterno?

 

 Ormai ci siamo. La nuova, attesissima, stagione sta per cominciare. Archiviato positivamente il preliminare, oggi affrontiamo l'ultimo ostacolo per l'Europa League, e domenica comincia un campionato in cui ci giochiamo veramente molto del nostro futuro. Sono anche ore febbrili per la definizione della prossima rosa, sia in entrata che, soprattutto, in uscita.

Leggi tutto...

edit Max

 

La quiete che precede la tempesta

 

 Le prossime due settimane, al limite i prossimi dieci giorni, potrebbero essere tranquillamente ribattezzati come la quiete che precede la tempesta, dato che il Milan osserverà tanti attaccanti per un pò di giorni e poi farà le sue scelte in merito all'arrivo del centravanti che dovrebbe essere la ciliegina sulla torta di un mercato importante ed imponente.

Leggi tutto...

edit Piero

 

Entusiasmo contagioso, ma occhio all'euforia!

 

Società e tifosi: un blocco unico contro i nemici

 

 

Leggi tutto...

MD in your language

Flash news

HIGHLIGHTS 2017/2018

tutte le gare Milan dalla stagione 2012/2013 su

Cerca in MD

Archivio nuovo Milan Day

unforgettable

 

LIVE STREAMING

 diretta streaming disponibile 15 minuti (circa) prima dell'inizio gara QUI 

QUI per il Disclaimer Streaming MD .


UTILITY

x STREAMING

Web player (ok)

Sopcast (scarica)

Acestream (scarica)

FILM DOWNLOAD

μTorrent (scarica)

3^ PAGINA

Milan e Milanista
Come eravamo
Storie RossoNere
RossoNeri
Maglia
click and go!

Su questo sito usiamo i cookies, anche di terze parti. Navigandolo accetti.