fassone

 

L’Uefa comunque non doveva...

 

Nyon tra competenze ed arbitrarietà

 

Ok, va bene, la Uefa ha avuto ragione nel mettere in dubbio la solidità di Yonghong Li ed a rifiutarsi di concedere il Voluntary Agreement, Il Milan era la prima società a chiedere il VA perché aveva il diritto di farlo, essendo lo strumento riservato ai club con le nuove proprietà.
Allo stesso modo, per concederlo, il massimo organo calcistico europeo aveva il diritto di esaminare il piano industriale pluriennale del club per ottenere il pareggio di bilancio ed a mettere in dubbio le capacità del club e del suo azionista di riferimento di realizzarlo. Ma le sue possibilità giudicare e di fare previsioni sul futuro di una società di calcio si fermano qui.
Da lì in avanti ci si deve concentrare ed attenere solo ai numeri, i freddi numeri del bilancio. Tutto il resto è fuori dalle competenze dell’Uefa, perché rientra nel campo dell’arbitrarietà che non gli compete.
L’Uefa doveva permettere al Milan di patteggiare e quindi di ottenere il SA, perché lo stato di salute del club non era tale da giustificare sanzioni diverse da quelle comminate a club che si sono ritrovati anche in condizioni peggiori.
Doveva concedere il SA e decidere le pene previste (multe, limitazioni al mercato ed alle rosa, etc), ma non l’esclusione dalle coppe europee per un anno.
Diciamo che l’Uefa ha fatto da acceleratore ad una situazione societaria che sarebbe probabilmente esplosa ad ottobre, e questo è indubitabile; tuttavia il fatto che nel primo comunicato ufficiale abbia motivato l’esclusione con lo sforamento dai paletti del FPF per il biennio 2014/2017 è la controprova che non poteva sanzionare il Milan per altre cose e che la pena non era uguale rispetto a quelle inflitti agli altri club.
In sostanza, diciamo che l’Uefa su Yonghong Li ci aveva visto giusto, ma che non è giusta la pena che ha voluto infliggere all’Ac Milan.
Anche perché se quelle erano le reali motivazioni, adesso che siamo in mano ad un proprietario stranoto e con 34 miliardi di patrimonio (Elliott) dovrebbe riconsiderare tutta la situazione.
Il Milan oggi è un esempio di solidità finanziaria, una squadra che allo stato attuale non ha neanche un euro di debito con terzi.
Ok, nell’ultimo triennio berlusconiano il deficit accumulato era tale da giustificare le sanzioni dell’Uefa, ma farlo escludendo il Milan attuale dalle coppe europee è uno sproposito senza precedenti.
E non ci venite a raccontare che l’Uefa non ama i fondi che detengono la proprietà dei club, perché anche questa sarebbe una cazzata enorme.


MD in your language

md tube rettangolare2

HIGHLIGHTS: finale CL 2002/2003

(prossimamente) tutti gli highlights 2018/2019

MILAN OFFICIAL

TIFOSI

MOMENTS

Il graffio

il graffio 1

Cerca in MD

 

LIVE STREAMING

 diretta streaming disponibile 10 minuti (circa) prima dell'inizio gara QUI 

QUI per il Disclaimer Streaming MD .

UTILITY

x STREAMING

Web player (ok)

Sopcast (scarica)

Acestream (scarica)

FILM DOWNLOAD

μTorrent (scarica)

3^ PAGINA

Milan e Milanista
Come eravamo
Storie RossoNere
RossoNeri
Maglia
click and go!

Su questo sito usiamo i cookies, anche di terze parti. Navigandolo accetti.