, Milan Day
 
 

milan

 

Le reali spese del Milan

 

183 milioni senza contare riscatti e bonus, 222 il totale. Ma per i giornali sono 250, 270, 300... tombola!

 

good morning

 

Accadde oggi, 31 luglio

 

Auguri a Piotti e De Ascentis. Sei anni fa ci lasciò Pazzagli, portiere cantante.

 

 

montella

 

Vietato sottovalutare

Juventus, Napoli, Roma, Milan e Inter. 5 squadre per 4 posti. Si preannuncia un campionato tra i più equilibrati di sempre. Vietato, in casa rossonera pensare di avere un posto di diritto, sottovalutando le altre formazioni...

...

the physician

THE PHYSICIAN

Durante l'XI secolo in Inghilterra, cerusici viaggiatori cercavano di adempiere alle cure mediche per la popolazione, spesso correndo il rischio di essere perseguitati dalla Chiesa per stregoneria.

Robert Cole scopre di possedere un dono straordinario, ma terribile: è in grado di avvertire, infatti, quando qualcuno potrebbe morire se non curato. Ne prende consapevolezza da bambino, quando sente che la madre sta per morire a causa di un'appendicite. Rimasto orfano, si unisce ad un cerusico itinerante che si fa chiamare Barber. Barber gli insegna le basi della medicina medievale, servendosi di pratiche come la coppettazione, il salasso e l'estrazione dentaria . Anche se è un semplice apprendista, Rob riconosce i limiti del suo insegnante e quando Barber sta per perdere la vista a causa della cataratta, consulta per lui un vero medico, di religione ebraica, che riesce a guarirlo completamente. Robert è affascinato dalle conoscenze del medico, del quale vorrebbe seguire le orme. Tuttavia gli viene risposto che, per farlo, dovrebbe studiare presso la madrasa di Isfahan, in Persia, dove insegna il famoso Ibn Sina, ma ciò è impedito ai cristiani.
Rob però intende diventare un medico e decide di correre il rischio, partendo per Isfahan. Si finge ebreo e in Egitto si sottopone alla circoncisione per non essere scoperto. Con il nome di Jesse Ben Benjamin, si unisce ad una carovana diretta ad Isfahan. Tra gli altri, viaggia con lui Rebecca, con la quale stringe amicizia e che gli legge il libro delle Mille e una notte (in particolare le novelle di Aladdin e Sinbad il Marinaio). La carovana è però investita da una tempesta di sabbia e dispersa prima di raggiungere la sua meta. Rob, stremato, raggiunge Isfahan credendo di essere l'unico sopravvissuto al viaggio. Raggiunta la scuola di Ibn Sina, Rob viene fatto malmenare dal guardiano e poi curato invece dal grande medico che ne apprezza l'interessamento alla medicina e lo accoglie tra i suoi studenti. Qui conosce e diventa amico di un ebreo, Mirdin, e di un ricco persiano...

 

GENERE : Avventura, Drammatico
REGIA : Philipp Stölzl
ATTORI : Tom Payne, Ben Kingsley, Stellan Skarsgård, Elyas M'Barek, Emma Rigby, Olivier Martinez
SCENEGGIATURA : Philipp Stölzl
FOTOGRAFIA : Nico Hofmann
MONTAGGIO : John Gilroy
MUSICHE: Ingo Ludwig Frenzel
PRODUZIONE : UFA Cinema, Degeto Film, Beta Cinema
DISTRIBUZIONE : Universal Pictures
PAESE : Germania
DURATA : 159 Min

 

TRAILER

Scarica (via µTorrent) e guarda gratuitamente il film cliccando QUI

lo sciamano

LO SCIAMANO di Noah Gordon

L'incrocio di più culture, gli uomini bianchi e i nativi pellerossa che devono lottare per la loro sopravvivenza. In tutto questo un ragazzo, erede del dono e della passione per la medicina della sua famiglia, si ritrova costretto a combattere una battaglia personale per poter realizzare il suo sogno

Rob Cole, discendente di quel Rob Cole già incontrato in "Medicus", inizia a esercitare la professione a Boston. Deluso da un insoddisfacente legame sentimentale e insofferente alla chiusa vita di città, decide di stabilirsi in un piccolo e remoto centro dell'Illinois. Qui stringe un profondo legame con un popolo di pellerossa, già decimato da sanguinosi conflitti con i soldati bianchi e in condizioni di estremo degrado, ma è proprio qui che Rob trova la sua serenità più completa...

 

 

Puoi scaricare gratuitamente il romanzo (formato epub) cliccando QUI

good morning

 

Accadde oggi, 30 luglio

 

Un solo compleanno quest'oggi; il Milan non è mai sceso in campo il 30 luglio

 

Donnarumma

 

Io non dimentico proprio nulla

 

Una partita giocata coi denti e con le unghie, quella vinta col Craiova nell'andata dei preliminari di EL. Un Milan evidentemente ancora imballato ed incompleto ha comunque avuto ragione dei rognosi rumeni, bel allenati dal nostro Mangia. Gli addetti ai lavori hanno ricoperto di elogi Kessie, Rodriguez (anche se col sinistro ricorda Serginho, col destro De Sciglio), autore del gol-partita, Bonaventura, Cutrone, Musacchio (mmh... in un paio di occasioni se lo sono bevuti con troppa facilità; speriamo sia questione di forma atletica) ed anche Donnarumma, il portierone che tanto ha fatto parlare di sé nelle settimane scorse.

bonaventura

 

Jack is back

 

Contro il Craiova, Bonaventura è tornato a giocare in gare ufficiali dopo l'infortunio di Udine

 

 

pallotta

 

Ma parla proprio Pallotta?

 

 Probabilmente il numero uno giallorosso ha capito che presto, in caso di ritorno alle origini di Milan e Inter, potrebbe crollargli il mondo da sotto i piedi

 

innesti milan

 

Innesti da implementare

Conti, Bonucci, ma sopratutto Biglia, Calhanoglu e Silva. Montella lavora per inserire al più presto i nuovi arrivati, dopo aver già ottimamente messo in mostra Musacchio, Rodriguez e Kessiè...

...

good morning

 

Accadde oggi, 29 luglio

 

Tre compleanni, tra cui Amarildo e Pierangelo Belli, portiere innegabilmente 'sfortunato'

 

El Ghazi

 

Chi è Anwar El Ghazi

Il giocatore del Lille sembra sia tornato nel mirino del Milan, grazie anche ai rapporti ormai stretti con Jorgè Mendes. 

Benassi

 

Una buona occasione

 

Dopo un buon Europeo, il centrocampista ha attirato l'attenzione di molte società, tra cui il Milan

 

Hungaroring

 

F1: il GP d'Ungheria

 

Ultima gara prima della sosta, quella che in questo week end si correrà in Ungheria, sul circuito dell'Hungaroring, vicino a Budapest. Un GP difficile, in quanto è notorio che su questa pista è assai difficile sorpassare ed è quasi indispensabile partire dalla pole od avere una strategia vincente. Viene definito un circuito 'Stop&go', viste le continue frenate e ripartenze: i carichi aerodinamici rivestono particolare importanza.

E' dal 1986 che si gareggia in questo autodromo, che divenne il primo a disputarsi in un Paese del blocco comunista. Nelle ultime 10 gare, Hamilton ne ha vinte il 50%, l'ultima nel 2016; dei piloti ancora in attività, solo Ricciardo (2014) e Vettel (2015) sono riusciti a salire sul gradino più alto del podio. Se guardiamo le scuderie, dal 2007, 7 volte ha vinto la Mercedes (McLaren-Mercedes 5), 2 volte la Red Bull ed una sola la Ferrari. Prima di Vettel nel 2015, solo Michael Schumacher (3 volte) e Barrichello hanno vinto con la Rossa, dopo che nel 1989 Nigel Mansell trionfò in una gara epica, risalendo dalla dodicesima posizione. Fu davvero un'impresa da ricordare, vista la difficoltà di operare sorpassi su questa pista.

Quella in Ungheria è l'11^ prova del Mondiale, un Mondiale riaperto dopo la brutta esperienza per le Ferrari in quel di Silverstone, dove Vettel giunse solo settimo al traguardo per colpa di una foratura all'ultimo giro. Vettel conduce ancora la classifica del Mondiale ma Hamilton ora lo tallona ad un solo punto (177 vs. 176), senza dimenticarsi di Bottas, terzo con 154 punti. La Ferrari paga anche un Raikkonen fuori fase in questa stagione, che non sembra in grado di aiutare il compagno.

Gli orari del week end:

OGGI

PL1

PL2

DOMANI 

ore 14,00: QUALIFICHE

DOMENICA

ore 14,00: GARA

 

Prossimo appuntamento: 27 agosto GP del Belgio, Circuito di Francorchamps

 

andre silva

 

Un fiore portoghese che potrebbe sbocciare

 

Anche i boccioli di rosa più belli, fioriscono meglio quando hanno accanto un albero che non li espone di continuo ai raggi solari.

 

craiova montella

 

Craiova-Milan: pochi spunti, ma buoni

La differenza di preparazione e i molti assenti non hanno fatto si che il test di ieri fosse molto probante. Qualche spunto positivo, comunque, si è visto...

...

good morning

 

Accadde oggi, 28 luglio

 

Il 28 luglio del 1925 nacque Schiaffino. Non c'è altro da aggiungere.

 

milan

 

OK Euro-Milan

 

L'Euro-Milan parte col piede giusto. Rodriguez-gol, i playoff ipotecati

 

craiova milan

 

In campo: il Milan ritrova l'Europa

Pre match: prima gara ufficiale del nuovo Milan di Montella. I rossoneri tornano in Europa dopo quasi 3 anni di assenza. Gara fondamentale: il Milan punta molto a vincere l'Europa League

fideiussioni

 

Fideiussioni, facciamo la dovuta chiarezza

 

E venne anche il tempo dei "fideiussioners" su Twitter, il social dove tutti si sentono in dovere di dire la propria rispetto all'argomento del momento anche se non hanno la minima idea di quello di cui stanno parlando.

 

Europa League

 

Si ricomincia con l'Europa

 

L'ultima volta che il Milan giocò in Europa accadde 1234 giorni fa. Un numero emblematico: 4 numeri, in fila dal più piccolo al più grande, la cui somma dà 1, il punto da cui partire. Molti diranno che si parte da zero di solito e abbiamo pure quello, dato che la somma di 1, 2, 3 e 4 è 10, quindi basterebbe moltiplicare invece di addizionare ed ecco lo zero. Allora moltiplichiamo le 4 cifre tra di loro ed otteniamo 25, dove 2+5 uguale 7, cioè il numero delle nostre Champions.

calendario

 

Calendario Milan

 

E' stato sorteggiato il calendario delle gare di Serie A 2017/2018. Scopriamo meglio quello del Milan

 

edit Max

 

Buona stagione a tutti

 

Ci siamo, inizia finalmente la stagione ufficiale del Milan. E dopo tre anni di lontananza si riparte dall'Europa minore, con i preliminari di Europa League ed una trasferta insidiosa in Romania.

 

Mourinho

 

Da che pulpito viene la predica!

Josè Mourinho non ne vuole proprio sapere di scendere dal fittizio piedistallo sul quale ormai da anni si è piazzato.

good morning

 

Accadde oggi, 27 luglio

 

Quattro i compleanni per oggi e dai nomi si comprende l'epoca: Ciro Mario, Amleto, Amilcare, Eros.

 

 

montella cuadrado

 

Lesterno serve

 

Punta e mezz'ala, si. Ma Montella preme per avere un altro esterno per i moduli che ha in testa. Il primo della lista è Cuadrado, ma...

...

Spalletti

 

Povero Spalletti

 

Una cosa mi dà fastidio di quest'estate: Spalletti. E' un tecnico che ho sempre ammirato; le sue squadre divertono e se posso le seguo con attenzione. Quando al Milan si doveva scegliere il tecnico del mesto post Inzaghi (forse l'anno zero del Milan; inguardabile, impalpabile e quello che andava in tv a sparare cazzate su 'ricordiamoci da dove siamo partiti', 'bisogna lavorare e prima o poi...' e prima o poi cosa? Prima o poi ti mandano a casa perché il tuo Milan fa schifo! Ed infatti...), il mio preferito, prima ancora di Montella e di Mihajlovic, era proprio Spalletti.

cutrone

 

Cutrone, cosa fare?

 

L'attaccante sta vivendo un momento da favola, ma cosa bisognerebbe fare con lui? E quanto vale adesso?

 

fpf

 

Il nuovo FPF

 

Fair Play Finanziario si cambia....forse. 

 

good morning

 

Accadde il 26 luglio

 

Tanti auguri ad un serio professionista come Martin Laursen, ritiratosi ancora giovane per i troppi guai fisici

 

Simeone jr

 

Un figlio d'arte

 

A Montella piace; il Milan ci sta pensando in ottica futura?

 

Cassano

 

L'importanza della famiglia

 

La famiglia è, al giorno d'oggi, al centro del mirino; non mi dilungo e nemmeno voglio parlare di talune scelte dei vari governi al riguardo, dico solo che è aberrante come la famiglia sia presa di mira e venga quotidianamente oltraggiata oltre che osteggiata. Ma è dalla famiglia che voglio partire parlando di Cassano; secondo Fantantonio, chiamato così perché ricorda una lattina di Fanta, la sua decisione, giunta dopo numerosi tentennamenti, è dovuta solo al fatto che lui vuole assolutamente restare con moglie e figli e questo non si può conciliare con una sua stagione a Verona.

cavani milan

 

Il sogno, la punta e il resto del mercato

Cavani sarebbe il prototipo perfetto della punta che cerca il Milan. Ma accantonando i sogni, Fassone e Mirabelli sfogliano la margherita. Da qui dipende il mercato rossonero...

 

...

verratti

 

L'esodo dei giovani italiani

 

Ragioni e spiegazioni sui giovani dei vivai italiani che trovano maggiore apprezzamento all'estero

 

Niang

 

Fare cassa

Tra i nomi probabilmente in uscita in casa rossonera, uno dei più importanti è sicuramente quello del francese, nonostante la buona prova contro il Bayern.

good morning

 

Accadde oggi, 25 luglio

 

Un solo compleanno per oggi. Il Milan non giocò mai in questa data

 

berlusconi

 

Scuse? Sarebbero doverose

 

Disse Berlusconi: "I nuovi investiranno". Fu sommerso di critiche, scetticismo e persino offese ma, alla prova dei fatti...

...

good morning

 

Accadde oggi, 24 luglio

 

79 candeline per José Altafini. L'inseplicabile enigma di Fiammenghi.

inter

 

Quel silenzio (sul) nerazzurro

 

Una notizia scomoda? Basta 'ascoltare' il silenzio e chiedersi, "se invece di Tizio si trattasse di Caio?"

 

anna bolena

ANNA BOLENA di Carolly Erickson

La "scalata" di Anna Bolena inizia, sotto l'abile regia del padre, con un periodo trascorso in Francia, come damigella d'onore della principessa Maria d'Inghilterra, moglie di Luigi XII.

Al suo rientro in Inghilterra Anna si era trasformata in una splendida dama di corte, elegante, desiderabile e prezioso oggetto di scambio per le ambizioni del padre. Ma neppure lui poteva immaginare quale sarebbe stato il futuro della ragazza che, dopo aver infiammato il cuore del re Enrico VIII, lo sposò nel 1533 e gli diede una figlia, Elisabetta, destinata a diventare la più grande regina della storia inglese. Nonostante questo folgorante inizio, l'astro di Anna Bolena tramonta presto: invidie, intrighi, la mancanza del tanto sospirato erede maschio, la condurranno in breve tempo sul patibolo per volere dello stesso re che pur di poterla sposare aveva divorziato dalla prima moglie, Caterina d'Aragona, e si era separato dalla Chiesa di Roma. Carolly Erikson ricostruisce le vicende che hanno segnato l'esistenza di questa sfortunata regina, sullo sfondo di una perfetta rievocazione dei rapporti familiari, del ruolo delle donne, degli scontri politici, dell'intreccio di ragioni personali e ragion di Stato, in una grande corte europea del Rinascimento.

 

Puoi scaricare gratuitamente il romanzo (formato epub) cliccando QUI

la bella e la bestia

LA BELLA E LA BESTIA

Ventisei anni dopo il film d'animazione che per primo sfondò la barriera della nomination all'Oscar come miglior film, la Disney torna su quei luoghi incantanti: il villaggio francese di Belle e il castello stregato della Bestia, dove un orologio, un candelabro, una teiera e la sua tazzina, il piccolo Chicco, trascorrono l'esistenza prede di un sortilegio, sperando che non cada anzitempo l'ultimo petalo di una rosa o non torneranno mai più umani.

Il nuovo La bella e la bestia non reinventa quasi nulla, e laddove lo fa, nel prologo settecentesco, nell'introduzione di un paio di personaggi e di alcuni interpreti di colore, non opera modifiche particolarmente incisive e sembra piuttosto obbedire a qualche legge morale o hollywoodiana, che ha poco a che vedere col materiale creativo. Al contrario, il film di Condon segue piuttosto alla lettera il precedente animato, riprendendone il copione, il libretto musicale, le stesse inquadrature. Si può non comprendere fino in fondo la natura di questa scommessa, si può ragionevolmente ipotizzare che la logica sia in tutto commerciale, ma non si può non ammetterne il successo finale. In un momento in cui l'animazione ha preso strade più stratificate e sperimentali, spronata dalla rivoluzione Pixar, anche al più moderno dei classici Disney non nuoce una rinfrescatina, e qui c'è abbastanza entusiasmo per un'intera boccata d'aria fresca.
Curiosamente, si diceva, non sono le novità a sedurre, le nuove canzoni non la spuntano sulle "vecchie", il nuovo viaggio nel tempo, che approfondisce la primissima infanzia di Belle, non cambia le carte in tavole: anche se in altro modo, è ancora una volta l'animazione a vincere, lo splendido lavoro di computer grafica, l'armonia con cui si fondono, a livello di immagine, la verità dei corpi e quella dell'invenzione.
La grande rivoluzione, su un altro piano, era già stata operata col cartoon, che aveva preso la più modesta, la più dolce e umile delle figlie di un ricco mercante caduto in disgrazia e l'aveva trasformata in una ragazza orgogliosa e annoiata, una lettrice, e dunque una sognatrice, una "strana", insomma, agli occhi del borgo ignorante e conservatore, che conteneva già in sé un'affinità, un comune sentirsi outcast, con l'altro, vero freak del racconto: la Bestia. Condon spinge su questo punto, facendo di Belle un'inventrice a sua volta (di una rudimentale lavatrice), una donna che non ha bisogno di piacere a chi non piace a lei, e arruolando un'attrice come Emma Watson, che in certe battaglie si è già mostrata addestrata e credibile, anche giù dallo schermo.
Condon affonda nell'umanità dei personaggi e convince, mentre insegue, già che c'è, un gusto più contemporaneo e post-Twilight. Kevin Kline "riempie" una figura paterna un po' vuota, Le Tont dichiara il suo accennato sentimento omoerotico, il clima si fa più oscuro e macabro man mano che ci si avvicina al tema frankensteiniano e il racconto, sull'impossibilità di essere felici se non si è liberi, torna alla portata di tutti, o quasi.

GENERE : Fantasy
REGIA : Bill Condon
ATTORI : Emma Watson, Dan Stevens, Luke Evans, Emma Thompson, Kevin Kline, Josh Gad, Ewan McGregor, Ian McKellen, Audra McDonald, Stanley Tucci, Gugu Mbatha-Raw, Hattie Morahan, Adrian Schiller, Nathan Mack, Henry Garrett
SCENEGGIATURA : Evan Spiliotopoulos, Stephen Chbosky
FOTOGRAFIA : Tobias A. Schliessler
MONTAGGIO : John Gilroy
MUSICHE: Virginia Katz
PRODUZIONE : Walt Disney Pictures, Mandeville Films
DISTRIBUZIONE : Walt Disney Studios Motion Pictures
PAESE : USA
DURATA : 129 Min

 

TRAILER

Scarica (via µTorrent) e guarda gratuitamente il film cliccando QUI

good morning

 

Accadde oggi, 23 luglio

 

L'incredibile media gol di Rozzoni, il flop-Cerci e la fuga di Cevenini III

 

Kun Aguero

 

Un sogno chiamato Kun

 

Attacco affollato, quello del City e Pep preferisce le nuove leve

 

Fassone

 

La resurrezione

L'intervista di ieri dell' A.D. rossonero alla Gazzetta dello Sport, conferma ancora di più quanto il programma per il rilancio del Milan, in Italia e nel mondo, abbia iniziato a fare il suo percorso.

 

milan bayern

Prova generale

 

A soli 5 giorni dall'esordio ufficiale in Europa League, il Milan di Montella testa contro il Bayern Monaco di Ancelotti i progressi della propria squadra. Il risultato non conta, ma servono progressi

Krychowiak

 

Certezza o scommessa?

Oltre all'attacco, il Milan ha bisogno di rinforzare il centrocampo, specialmente nelle alternative? Puntare solo sul talentino Sanches, o prendere anche il polacco del PSG?

Belotti

 

Belotti a 7,5mln? Si poteva

 

Prendo spunto da un post di un amico che, dopo le dichiarazioni di Cairo di ieri riguardo all'incedibilità di Belotti, sbottava per via della presa di posizione oltranzista di Cairo, che non vuole sentire ragioni per cedere il Gallo e che seguita a chiedere una vagonata di milioni, ben 100. 

Ma clicchiamo sul 'rewind' (una volta si diceva: 'schiacciamo' o, i più istruiti, 'premiamo') e diamo un'occhiata all'estate 2013. Era il 2 settembre e Andrea passava in prestito oneroso (500mila €) con diritto di riscatto della metà del cartellino (fissata a 2,5mln) al Palermo, serie B, dall'Albino Leffe, Lega Pro. I siciliani vincono il campionato, vengono promossi in A e Belotti segna 10 reti, un bel bottino per un esordiente. Zamparini, che ha l'occhio lungo, sborsa i 2,5mln per la metà e con l'Albino Leffe sigla un'opzione per l'altra metà, ora salita a 3,5mln. Tre mesi dopo, siamo a settembre, il Palermo lo riscatta interamente. Quell'anno metterà a segno solo 6 gol, giocando sempre soprattutto da partita in corso (allora c'era un certo Dybala).

Nell'estate 2015 il Torino lo porta sotto la Mole pagando 7,5mln: il primo anno chiuderà con 12 reti, il secondo, quello appena concluso, con 26.

Ma restiamo un attimo all'estate 2013; il Milan, allora col fido Galliani a giostrare sul calciomercato, porta a casa: Vergara, Poli, Salamon, Saponara e se ne vanno Ambrosini, Krkic, Yepes e Flamini. Ma non è tutto: dall'Inter ecco Silvestre mentre in uscita a fine agosto ci sarà Boateng. Arriverà l'immancabile 'rinforzo' dal Genoa (Birsa) per Antonini e l'ennesima operazione copertina tanto amata dal Galliani, cioè il ritorno di Kakà. Ma sappiamo che non finì lì: l'eterno AD riuscì nell'impresa di portare al Milan per la 'modica' cifra di 11mln un certo Alessandro Matri, facendo così un favore alla Juve, visto l'alto prezzo sborsato per il suo cartellino. Ora diamo una sbirciatina veloce alla campagna acquisti del 2015, sempre del Milan: fu il calciomercato dell'illusorio rilancio, quello del 'tanto ci sono i miliardi di Mr. Bee'. In entrata: Ely, Romagnoli, Simic, Bertolacci, Kucka, José Mauri, Nocerino, Carlos Bacca, Balotelli e Niang, al rientro dal Genoa. Per 8mln (a bilancio, se ben ricordo, a 14...) ecco però giungere dalle steppe ucraine Luiz Adriano, una bidonata clamorosa, artefice poi di quel misterioso viaggio in Cina dove avrebbe dovuto firmare un contratto e subito rientrato invece a Milano.Negli anni in cui Belotti passava dall'Albino Leffe al Palermo (6mln) e dal Palermo al Torino (7,5mln), Galliani ha speso 19mln (per i soli cartellini, sia chiaro) per portare a Milano due paracarri come Matri e Luiz Adriano, senza contare il resto del mercato per il reparto avanzato.

Ora il punto è questo: la mancanza di qualsivoglia capacità (o volontà...) di operare bene sul mercato da parte di Galliani, per quanti anni ancora dovremo purgarla?  Se solo avessimo avuto un DS non dico coi controcoglioni ma sufficientemente abile, quel Belotti ce lo saremmo presi noi o, perlomeno, avremmo tentato di accaparrarcelo, visto che il Palermo prima ed il Torino poi se lo sono portati a casa senza nemmeno scucire somme improbabili. I 100mln chiesti oggi da Cairo (una cifra onestamente fuori da ogni logica se non quella di un calcio ormai senza freni) sono la nostra nemesi. Sono solo una parte dei soldi buttati via pedalando per il Forte o cenando da Giannino.

Eppure bastava davvero poco perché qualcuno in Fininvest si accorgesse dell'emorragia di denaro letteralmente bruciato per ammansire e accontentare certi personaggi, pochissimo. Talmente poco che il sospetto che fosse tutto organizzato e accettato non riusciamo a cancellarlo.

 

aru

 

Un film già visto

 

 Va a finire purtroppo come non avremmo voluto e come speravamo non accadesse. Fabio Aru ancora una volta dopo i primi dieci giorni in una grande corsa a tappe fatti a spron battuto, cala alla distanza gettando per aria tutte le buonissime chances di trionfare guadagnate per strada nelle prime tappe. Ci stavamo credendo davvero e da tifosi fin troppo di parte lo stavamo facendo anche di più del razionale. Ma già nel pezzo dove sintetizzavamo quanto successo nella prima parte della corsa francese, che vedeva Aru con una gamba esagerata e la maglia gialla addosso, avevamo sollevato il punto interrogativo sulla durata di cotanto stato di grazia.

genny

 

Tutti figli di Genny la carogna

 

Le malattie che fanno di questo paese il peggiore al mondo ormai non hanno più cataloghi, ormai non si possono più chiudere in un vocabolario. Il giorno dopo risulterebbero tristemente vecchie e prescritte. Pertanto chi scrive per ozio come me ,come chi scrive per mestiere (rubando di media il pane)più o meno concorda sul fatto che agli italiani piacciono i ladri, i furbi, i traditori, gli avvinazzati.
La storia recente è piena, l'abbiamo sfogliata insieme. Vallanzasca pare abbia duemila richieste di matrimonio, così come il Bossetti ergastolano di queste ore ha migliaia di "like" nei nostri.. anzi vostri schifosi facebook d'accatto.Ma soprattutto folta schiera di uomini di vita, politica e spettacolo becero e sporco.Allora meglio Silvio o Spadolini ? Berlusca tutta la vita. Meglio Matteo Renzi o Ugo La Malfa ? Il bombolone toscano, sempre. Non è odiato come crede. E' odioso. Non sta antipatico... è antipatico. Al popolo italiano piacciono così. Meglio un ladruncolo astuto, pieno di femmine, che parla bene, rispetto alla miseria noiosa di uomini sani, onesti, a volte inesperti, ma con poche macchie. Insomma andiamo a cena con Totò Riina e non con Papa Francesco, andiamo in vacanza con Briatore e non con Zagrebelsky.

E fin qui tutto bene, almeno fino a a quando facciamo i puri ed i presunti piazzisti senza idee e spariamo addosso ogni giornio al mondo della politica, dello sport, dello spettacolo. Se davvero fossimo uomini e donne con del pelo (sul petto ....) , non ci collegheremo più con quel misero ometto di Fazio , ma guarderemo la domenica sera Licia Colò ed i mari che tanto bene fanno. Se fossimo persone per bene spunteremo (e ci sputeremo) la lista degli indagati a fine legisatura per capire chi sono le guardie e chi invece i ladri in sto paese di merda. Se davvero leggessimo uno straccio di giornale capiremmo chi è che ha scelto di far sbarcare da noi milioni di africani disagiati e delinquenti in cambio di danaro e benefici e voti futuri ... Invece no !! Il nostro cervello azzerato ci collega con Fazio/Littizzetto e che ci frega se l'addedito improprio del giorno dopo sulla bolletta Enel è anche frutto del furto dei 2 personaggetti a calpi di 12 milioni di euro in poche lune ? e poi magari ci piace dire che se anche il PD o Forza Italia ha anche un terzo dei parlamentari indagati, fa niente, importante è che siano capaci (aiutoooo). E poi andiamo al bar a "smargiassare" che per risolvere il problema dei "negri" in arrivo basta Salvini o qualche fascista, o noi stessi che con un bazooka affondiamo le barche. Ci piacciono gli urlatori e spesso sono proprio quelli che hanno creato il guaio. Ci piace chi si autoesalta con la soluzione dello sparo.E magari è gentaglia che in vita non ha mai fatto una manifestazioe, mai ottenuto uno straccio di cosa con la forza della piazza. Che a casa propria quando parla la moglie , presi dal terrore corrono in bagno a vomitare.
Siamo una massa di conigli, sottoculturati, ridicoli tifosi di una società fatta di disonesti e di ............... e di calciatori.
Si, di calciatori. Non ci siamo ancora stancati nemmeno di quello. Pantomime orrende , uomini (ripeto uomini, mica calciatori) sopravvalutati. Allora mentre l'estate corre accompagnata da un calcio mercato fra i più demenziali di sempre, fatto dei peggiori attori da quando io cammino (Donnarumma... Cassano .. Allegri .... Dani Alves ... Raiola ... C.Ronaldo ... Bernardeschi (50 milioni di euro... mamma mia !)ed una massa di sconosciuti che fra 3 anni saranno di nuovo anonimi ma ricchissimi cazzo)voglio farmi del bene con esempi che escano da questa melma maleodorante. Forse scollegati, ma sicuri lontani dal modello "Genny la carogna" tanto cara al popolo suddito.

Caso Bonucci. Che palle vero ?. Pazienza un attimo. Le più svariate letture le tralascio. Una sola vale. Allegri, misto di boria e culo nella vita, non va d'accordo nella vita con mezzo mondo. Pensa di essere superman... Pirlo, Ibra, Alves, Bonucci.... vince lui all'inizio poi perde con tutti. Con Pirlo ed Ibra dal Milan e adesso vediamo. Bonucci sarà complicato, ma mi viene di tifare per lui , perchè mi sembra un puro ed un sano vendicativo, di quelli che poi in campo sono leali. Oltre ad aver ragione nello spoglatoio di Cardiff. Vai Leo, e quando hai tempo rispondi a quei dementi che ti hanno insultato anima e figlio. Sono quelli che facevano il processo ai napoletani che auguravano la morte a Higuain un anno fa. Stessa razza di merda !
Marco Giampaolo, allenatore della Sampdoria. Gira per il mondo, mai grandi squadre, pare capisca di calcio come nessuno. Come compagno di vita, il coraggio. Rifiuta calciatori che sarebbero li per grattarsi le palle (Cassano prima, Snejider poi ... bravo !!) . Rifiuta contatti con peggior mondo ultras. E quando si rompe i coglioni come a Brescia , se ne va lasciando soldi e squadra in nome di una onestà inttelletuale unica. Nel sopravvalutato mondo dei tecnici di calcio dove un signore che viene travolto in finale di champions come mai nessuno prima ed al ritorno raddoppia l'ingaggio come premio(Allegrissimooooo) , esistono anche uomini veri come Giampaolo. Non allenerà mai la Juve o il MIlan. Perchè siamo il paese di Genny la carogna.

Michele Castagnetti è un normale centrocampista, quasi trentenne, che ha navigato in serie B ed in serie C per anni. Dando un suo contributo, infila 3 anni meravigliosi a Ferrara e dalla quarta serie arriva alla seire A.Un sogno. Un regista vecchio stampo, geometrico ed un pò lento, niente di speciale. A promozione avvenuta la Spal lo cede all'Empoli, serie B. Succede. A chi capita di sfiorare un sogno e poi gli viene negato di solito vomita veleno. Castagnetti no. Rilascia interviste una più dolce dell'altra, racconta che gli mancherà Ferrara per gli angoli unici, per i giardini di Palazzo Schifanoia dove andava ogni mattina a leggere quintali di libri (un pò come Balotelli). Dove la gente non disturbava, se non con un "Grande Castagna". Delicato, accarezza compagni che lascia ed amici veri (Es.:Luca Mora) mai parlandone da calciatore ma sempre da uomo di camera e vita. E se poi Vagnati(immenso dirrettore sportivo della Spal) mi ha venduto significa che non sono da serie A, perchè lui ne capisce ed io mi fido". Un insieme di amore per la vita, per chi ti ha reso importante, per luoghi tuoi per sempre anche volando lontano. Un delicatezza di altri tempi. Verrebbe voglia di ricomprarlo.

Questi angoli mi tormentano, queste persone mi bruciano idee e convizioni. Si può essere grandi anche in un paese piccolo, si può essere forti con i forti e attenti ai deboli. Magari scoprire che tanti di noi vorrebbero bersi una bottiglia con Giampaolo o con Castagnetti e non con Allegri Spalletti, Donnarumma .. e non con Matteo (uno e due) o Silvio o Angelino .... O almeno scoprire che l'Italia migliore non è quella che sfila in piazza con la maglietta "Genny la carogna ... uno di noi" . Salvo riconoscere che siamo tutti suoi figli.
Ps: Genny la carogna (per i napoletani ... 'a carogna) è quel simpatico ragazzotto che fermò la finale di coppa Italia Lazio-Napoli per trattare con le isitutzioni (lettera minuscola) dopo l'uccisione del tifoso napoletano Ciro Esposito nel 2014. In queste ore condaannato a 10 anni per spaccio e chissà cosa ancora. Un delinquente stimato e riconosciuto come capo popolo di un mondo senza limiti al peggio.

 

 

montella

 

La soluzione della difesa a 3

 

A tre in difesa? Per il mister rossonero comincia ad essere più che una idea

 

good morning

 

Accadde oggi, 21 luglio

 

Nel 1976 ci lasciò Giuseppe Bonizzoni, bandiera rossonera, 9 stagioni consecutive al Milan

 

Benzema

 

Benzema e stop

Karim sarebbe davvero il colpo dell'anno per questo nuovo Milan rivoluzionato, pronto a rilanciarsi in campo nazionale ed europeo.

 

locatelli

 

Locatelli incedibile. Giusto così?

Mirabelli lo ha tolto dal mercato e probabilmente resterà tra le seconde scelte di Montella. Locatelli: meglio restare o andare a giocare?

premier league

 

Premier: il punto sul mercato

 

Poco più di 20 giorni e ripartirà la Premier League, il cui via sarà dato l'11 di agosto. Il mercato ci sta consegnando rose trasformate, a partire dai neo campioni del Chelsea, passando per le due di Manchester e per la coppia di Liverpool; l'Arsenal, che deve riscattare una stagione abbastanza deludente, pare si stia muovendo con circospezione ma Wenger è sempre attento a nuovi nomi e con Lacazette in entrata, il reparto avanzato ha già il suo top. Resta da valutare la posizione di Giroud e di Sanchez. Ma se il West Ham comincia a dare segni di risveglio, è il Tottenham che fino ad oggi non si muove, tranne aver ceduto a suon di milioni (ben 50) Walker al City di Pep. 

morata

 

Morata-Chelsea, scatta lo sfottò

 

Sfumato uno dei tanti obbiettivi rossoneri per l'attacco. Juventini e interisti se la ridono

 

good morning

 

Accadde oggi, 20 luglio 

 

Tanti auguri a Seba Rossi. La triste storia di Erminio Brevedan

 

Borriello

 

Il girovago Borriello

Marco Borriello nell’ultima stagione a Cagliari ha vissuto una seconda giovinezza disputando una stagione di altissimo livello con 16 gol in 36 partite giocate in maglia rossoblù. Arrivato in Sardegna all’età di 34 anni e reduce dalle esperienze deludenti degli ultimi anni tra Genoa, Carpi e Atalanta, l’attaccante napoletano ha smentito a suon di gol chi gli dava del giocatore “bollito” o a fine carriera, meritandosi con le prestazioni sul campo il rinnovo di contratto con la squadra sarda fino al 2019. L’ultima stagione con la maglia del Cagliari è stata la seconda più prolifica dal punto di vista realizzativo per lui dopo quella del 2007/2008 nella sua prima esperienza al Genoa quando mise a segno 19 reti in 35 gare disputate.

Maldini

 

Ripensamenti?

 

Torniamo indietro di qualche mese: ottobre 2016. Il Milan cinese sembra non arrivare mai e le promesse dell'una e dell'altra parte ormai sollevavano sorrisetti da parte dei tifosi avversari e incazzature bibliche di quelli rossoneri. L'aria della presa in giro stava facendo ingresso nel mondo milanista e solo in pochi si alzavano dai loro scranni per chiudere le porte e le finestre. Anzi, nottetempo, qualcuno si divertiva a spalancarne di nuove, aggiungendo malumore a malumore.Il progetto, però, sappiamo oggi, proseguiva sì con qualche stop inatteso ma senza ripensamenti di sorta.

de sciglio

 

Ciao Mattia....

 

Il terzino lascia Milanello dopo tredici anni. Alla Juventus ritrova il tecnico che lo lanciò

 

Cassano

 

Un passo indietro...

In poche ore, Antonio Cassano fa di nuovo parlare di sè: fa trapelare di voler lasciare il calcio, ma poi ci ripensa. Un altro show che ci poteva francamente risparmiare.

 

milan

 

Nessun allarmismo. Una buona sgambata

Buon allenamento del Milan contro il Borussia. Qualche spunto positivo, da una squadra tutta nuova, ma dimezzata. Tra poco più di una settimana, però, si farà già sul serio.

 

storia milan

 

Cesarone, padre della Patria

 

Milan e Maldini due nomi destinati ad intrecciarsi e confondersi per sempre

 

serie A

 

Serie A, cambiano le gerarchie?

 

In questi ultimi anni abbiamo assistito ad un lungo ed incontrastato dominio bianconero, con Napoli e Roma timide avversarie. Qualche scalino sotto le due milanesi, con vari inserimenti di Lazio, Fiorentina più il Sassuolo, il Torino o l'Atalanta di turno. 

Insomma, Juve sopra tutte, poi Roma e Napoli. Dietro tutte le altre. Ma quest'anno?

l'estate della bile

 

L'estate della bile

 

Ci dicevano...
"Inter, ecco chi è Mr Suning: Jindong, l’uomo da 4 miliardi di dollari", "Inter, un anno di Suning: 400 milioni, sponsor", "Inter, Suning: 200 milioni per il mercato", "Inter, Suning pronto a prendere due top player", "Inter, saranno 5 i colpi di mercato", "Suning investirà ancora"...
E il tifoso, abbagliato da cotanti titoloni... "Viva il decisionismo di Suning, ammazza che carattere che hanno questi! Hai visto che roba? In poche ore hanno mandato via l'allenatore e nominato un dirigente del calibro di Sabatini per dirigere l'area sportiva dell'Inter e del Jiangsu... Questi i soldi li hanno e non scherzano mica..."

Però, ci avvertivano i 'pifferai magici', "Dal primo luglio Suning intende costruire una grande Inter. Prima vengono sistemati i conti per rientrare nei parametri UEFA"
Il "primo luglio" è arrivato e passato. Spalleti sempre più agitato ("Mi hanno fatto promesse, aspetto vengano mantenute") ed il Milan che ha quasi acquistato (non ancora, ma manca poco) un'intera squadra, non aiutano. La bile nerazzurra, di tifosi e non, ingrossa pericolosamente.
Reggi, reggi, poi, la bile, trabocca.

Era il 14 luglio e, mentre il Milan portava a casa Bonucci e Biglia, Sabatini creca di calmare le acque agitate tra i suoi tifosi in una lunga intervista... Ma se non citava il Milan, non era meglio per lui?
Vediamo, spezzettandola e commentandola nei 'punti Milan', quanta bile trabocca dalle sue parole.

"Non dobbiamo rispondere al Milan, abbiamo la nostra strategia" cioè, quale? No perchè ogni giorno leggiamo "interessa all'Inter", "Su Pico Pallo c'è forte l'Inter", basta fare un nome per un'altra squadra e subito arriva la 'velina' per l'erticolista che aggiunge "C'è anche l'Inter", addirittura c'era l'Inter anche per Donnarumma... OK, ma in soldoni? Padelli, Skriniar e Borja Valero sono i top player? Boh!

"Il Milan non è il nostro modello, abbiamo la nostra strategia e sappiamo cosa dobbiamo fare". Ci sarebbe da chiedergli chi ha detto che il Milan deve essere un modello. Ma la lingua batte dove... la bile trabocca!

"La nostra rosa è fortissima e deve solo essere integrata con qualche elemento giusto". Peccato che questa rosa "fortissima" non ce l'abbia fatta nemmeno a qualificarsi per l'Eurpoa League (a differnza del Milan).

"Non dobbiamo rispondere al Milan". Ma chi ti ha chiesto nulla! In genere si risponde ad una domanda, no?

Riferito al Milan "Ammiro quello che stanno facendo". E te credo! Ma tutti quei titoloni, mai smentiti, fatti a giugno aspettando luglio?

"Il Milan ha ribaltato la rosa, l'Inter ha fatto una scelta preventiva diversa perché ha dimostrato di essere una squadra molto competitiva". Ma se il Milan "ha ribaltato la rosa" e tu sei arrivato dietro, come fai a sostenere che hai "una squadra molto competitiva"?

"Abbiamo giocatori fortissimi" Vabbè, contenti voi... Ma quando scrivevano "Inter, Suning: 200 milioni per il mercato", perchè non avete smentito?

"Ci si scatena anche in maniera silenziosa. Stiamo puntando a obiettivi difficili, ma lo stiamo facendo in silenzio. Ci serve un po' di tempo, ma non devo tranquillizzare nessuno. L'Inter è una garanzia e faremo le cose necessarie perché la squadra possa essere protagonista durante l'anno". Oddio di silenzio ce n'è tanto e se vi scatenate per il silenzio che fate... brrr e chi vi itene più?

La piazza però dal mercato estivo si aspettava 4-5 acquisti di spessore. Acquisti che cominciano a creare imbarazzo, se non nervosismo, nel tecnoco nerazzurro che, dopo la prima sconfitta in amichevole con il Norimberga (serie B tedesca), masticando amaro ha detto "Servono 4 rinforzi. Se arrivano presto è meglio!"
Un malessere amplificato dagli annunci dei cugini rossoneri. "Nessuno ci può influenzare"? No, no, e chi vi vuol "influenzare". D'altra parte se vi "serve un po' di tempo"... Ma non era dal primo luglio?

Te capì? Prima milioni come fossero noccioline. Poi però dal "primo luglio". Il primo passa e "ci serve un po' di tempo".
"Lo stiamo facendo in silenzio". Per carità, sarà anche vero... peccato però che, prima iniziassero le danze, ne facevano poco, anzi, urlavano la grandeur nerazzura.
Ma è risaputo "Calciomercato, tutto il nerazzurro della vita", vero Gazza?

 

Morata

 

Meglio Morata!

 

Giovane, forte, esperienza internazionale e... ex bianconero

 

belotti

 

Belotti si

 

Belotti, Morata, Aubameyang: Perchè scegliere il Gallo?

 

Aubameyang

 

Un ritorno alle origini

Tra Morata e Belotti, il Gabonese del Borussia Dortmund potrebbe spuntarla nella corsa per diventare un nuovo attaccante rossonero. Vediamo il perchè.

 

milan borussia

 

Parola al campo, col Borussia si fa sul serio

Amichevole di lusso per il Milan di Montella. Inizia il cammino verso il preliminare di Europa League. In Cina, minuti nelle gambe importanti verso la stagione alle porte

sogno o

 

Sogno o son... Milan!

 

Cose turche? No, cinesi! Quelli che "non esistono", si comprano addirittura una intera squadra (ad oggi 10/11, ma non è ancora finta)

 

storia milan

 

Il caso Gordon

 

La strana e oscura storia di un Milan che pagò per una corruzione che (forse) non ci fu

 

se piangi se ridi

 

Se piangi, se ridi...

 

Quelli che bacchettavano i napoletani per le offese a Higuain, oggi si scagliano contro Bonucci. E sempre loro, che sfottevano per Pirlo, oggi non accettano sfottò

 

ai margini della città

AI MARGINI DELLA CITTA' di Marcus Sakey

A Jason Palmer piaceva fare il soldato, ma l'hanno congedato in modo poco onorevole. E adesso, al ritorno dall'Iraq, deve combattere la sua battaglia più dura: quella per rimettere insieme i pezzi della propria vita.

Elena Cruz è un poliziotto di talento, la prima donna della Gang Intelligence Unit di Chicago, ora però è stata assegnata a un lavoro d'ufficio a causa di una relazione con un collega. La faticosa normalità dei due protagonisti è sconvolta quando il fratello di Jason, impegnato nel recupero dei giovani nel difficile sobborgo di Crenwood, viene assassinato sotto gli occhi del figlio di otto anni. Jason ed Elena collaborano per sventare un complotto che li porterà dalle pericolose strade del ghetto alle esclusive residenze degli uomini più potenti della città. In un mondo in cui gli affari sono sinonimo di violenza e corruzione, saranno loro due l'unica possibilità di salvezza per il bambino, braccato da individui senza scrupoli decisi a trovarlo. E a ucciderlo.

 

 

 

 

Puoi scaricare gratuitamente il romanzo (formato epub) cliccando QUI

SUICIDE SQUAD

SUICIDE SQUAD

Mettete insieme un team dei più pericolosi Super Cattivi che possiate trovare nelle carceri del mondo, dategli il più fornito arsenale a disposizione del governo e mandateli in missione per sconfiggere un'entità insuperabile ed enigmatica.

L'ufficiale dell'intelligence degli U.S.A., Amanda Waller ha convocato in gran segreto un gruppo di individui disperati e deprecabili che non ha niente da perdere. Ad ogni modo, dopo aver fallito inevitabilmente la missione ed essersi resi conto di non essere stati scelti per avere successo quanto per la loro colpevolezza riconosciuta, pensate che la SUICIDE SQUAD risolverà la questione tentando ma rischiando la morte oppure deciderà di dividersi e andare ognuno per la sua strada?

 

GENERE : Azione, Fantasy
REGIA : David Ayer
ATTORI : Will Smith, Margot Robbie, Jared Leto, Joel Kinnaman, Jai Courtney, Cara Delevingne, Viola Davis, Scott Eastwood, Raymond Olubawale, Jay Hernandez, Ike Barinholtz, Ted Whittall, Robin Atkin Downes, David Harbour
SCENEGGIATURA : David Ayer
FOTOGRAFIA : Roman Vasyanov
MONTAGGIO : John Gilroy
MUSICHE: Steven Price
PRODUZIONE : Atlas Entertainment, DC Entertainment, Dune Entertainment
DISTRIBUZIONE : Warner Bros.
PAESE : USA
DURATA : 130 Min

 

TRAILER

Scarica (via µTorrent) e guarda gratuitamente il film cliccando QUI

good morning

 

Accadde oggi, 16 luglio

 

Oggi morì Ghiggia, protagonista del Maracanzo del 1950, rossonero per una stagione

 

rivera

 

Il dilemma della fascia

 

Voci vedrebbero il Milan aver già individuato in Bonucci il giocatore a cui assegnare la fascia di capitano

scchi mangia

 

Mi manda Sacchi

 

Mangia? Arrigo Sacchi non esitò di affidargli la panchina dell'Under 21

federer wimbledon

 

Wimbledon: Epico Federer. Venus Ko

 

E’ casa sua, e comanda lui.

A questo punto verrebbe quasi da dire: dategli il trofeo non se ne parla più. Inutile rischiare che la storia venga rovinata. Roger Federer riesce in un'altra impresa. I più forti sono sempre i più odiati. Domani, invece, sul centrale di Wimbledon e in giro per il mondo, non ci sarà anima viva che tiferà contro la leggenda vivente del tennis

craiova

 

Milan, ecco il Craiova

 

Qualche informazione sui prossimi avversari del Milan in Europa League

 

La paglizza e la trave

 

La pagliuzza e la trave

 

Vero è che viviamo in un Paese strano. Un paese da "chiagni e fotti".
Intere famiglie che non riescono ad arrivare a fine mese ma si pensa allo ius soli. Italiani che si danno fuoco per un lavoro perso e 'migranti' che passeggiano per le nostre piazze con un sussidio di 1.300 euro mensili. Si trovano case e si requiscono alberghi per dare alloggio agli extracomunitari mentre nel nostro Abruzzo si vive ancora tra le macerie... "Non vi lasceremo soli" dissero, più di un anno fa, le istituzioni. Dissero, appunto, ma in concreto?

storia milan

 

I sei minuti di Rivera

 

Non è Milan però, parlando di Rivera, è come lo fosse... La vergognosa sottomissione di una federazione e del suo allenatore al volere di un 'clan'

bonucci

 

Dov'è il problema?

 

Tutti a magnificare il colpaccio del Milan ma, per la Pravda binconera, è la Juventus che fa un affare

Caressa

 

Caressa, torna, ci manchi

 

Dite la verità: quanto vi manca il Caressa? A me tantissimo, sono onesto. Non vederlo più a SS24 (è in vacanza) mi fa male; mi mancano le sue sparate tipo 'Messi all'Inter, perché no?', le sue smorfie, il suo ciuffo così adolescenziale, la erre moscia, i dubbi riguardo il Milan, le certezze su Suning e sul Napoli, la granitica consapevolezza che la Juve sia imbattibile etc...

Anni fa, a 'Striscia la Notizia', presentava un duo davvero indovinato e divertente, quello composto da Gene Gnocchi e Tullio Solenghi; come ogni comico, questi due avevano un tormentone che recitava 'Mandateci altri pupazzi che ci fanno ridere tanto'.E Caressa, con tutto il rispetto per la sua professionalità, in questa fase potrebbe fare davvero il 'pupazzo divertente' perché non ha mai lesinato critiche al progetto rossonero e mi piacerebbe davvero vedere la sua espressione di sorpresa davanti alla notizia di Bonucci che si è offerto al Milan oppure alla pista Aubameyang tuttora calda al pari di quella di Belotti. 

E con 8 acquisti ed il rinnovo di Donnarumma, lo vedremmo sempre più depresso e mogio, con quelle smorfie, che lo hanno reso celebre quanto le sue telecronache con Beppe Bergomi, sempre più accentuate.

Sarebbe interessante adesso conoscere la sua opinione sull'effetto Magnus di Fassone e Mirabelli; calci un pallone e questo all'improvviso cambia direzione e magari ti prende in faccia mentre il ciuffo ti copre gli occhi. Succede per carità.

Per favore, ritorna, torna a casa Caressie, facci ridere tanto; però una richiesta a SS24 la invio ugualmente: perché non fare un collage degli interventi del bravo giornalista romano dei mesi scorsi, quando, oltre alla perla di Messi in nerazzurro, sentenziava sui nuovi acquirenti del Milan, magari con una musica tipo, che so, il motivo fischiettato di Kill Bill, per esempio.

 

 

 

 

Silvestrone

 

F1: si va a Silvestrone

 

A pochi giorni dal Gran Premio d’Austria, la Formula Uno scenderà nuovamente in pista. Il circus si trasferirà nel Regno Unito per il decimo appuntamento della stagione. I piloti si cimenteranno sul tracciato di Silverstone.A pochi giorni dal Gran Premio d’Austria, la Formula Uno scenderà nuovamente in pista. Il circus si trasferirà nel Regno Unito per il decimo appuntamento della stagione. I piloti si cimenteranno sul tracciato di Silverstone.

Premier

 

Premier, non è tutto oro....

 

C'è lo sentiamo ripetere ad ogni piè sospinto, e per carità i numeri dicono chiaramente che la Premier inglese sia il campionato più ricco d'Europa, ma come spesso accade non è sempre tutto oro quello che luccica. Avere in mano un'azienda dal fatturato spaventosamente alto e chiudere tutti gli anni il bilancio in perdita non deve essere una gran bella sensazione.

good morning

 

Accadde oggi, 14 luglio

 

Un addio al Milan: Luigi Zorzi, ritenuto non adatto a fare il terzino 'sistemista'. Ma cosa significa 'sistemista'?

 

Bonucci

 

Bonucci? Da bufala a clamorosa verità

 

E' di ieri l'indiscrezione di Mediaset secondo la quale i rossoneri avrebbero chiesto il centrale bianconero e della Nazionale Italiana

 

Bonucci

 

La scelta di Leo

 

Rapporti tesi con Allegri dopo il rinnovo del tecnico e il desiderio di cambiare alla base della decisione

 

Donnarumma

 

Donnarumma Day, Gigio c'è

 

"Sono felice per il rinnovo era quello che volevo e mi dispiace se ho fatto soffrire i tifosi". Queste sono state le dichiarazioni del giocatore subito dopo la firma.

 

oddo

 

Mercato Milan? La rivolta degli ex

 

L'ultimo di una lunga serie. Anche l'ex rossonero Oddo ha parlato del mercato del Milan. 

 

edit Max

 

Un Milan tutt'altro che confuso

 

Il mercato può essere criticabile nelle scelte e negli uomini, come è legittimo e giusto che sia, ma non è possibile negare che le idee della dirigenza siano state chiare fin dall'inizio.

 

 

milan

 

Top player a tutti i costi ?

 

Prosegue il mercato del Milan. E ora arriva il dilemma: un "campione" o più giocatori funzionali ? Il Milan osserva e spera

 

good morning

 

Accadde oggi, 13 luglio

 

Cinque compleanni tra i rossoneri; alcune storie dei festeggiati

 

Galli

 

Pronti a ripartire

 

Per la panchina più prestigiosa, quella della Primavera, è stato chiamato Gennaro Gattuso, che dopo le esperienze di Palermo, Ofi Creta e Pisa, ha deciso di accettare con grande entusiasmo

 

Latina

 

Società di calcio in crisi

 

Ogni estate, nel calcio italiano, si ricrea la stessa situazione: squadre vicine al fallimento, situazioni economiche difficili, problemi finanziari. Insomma, tanti problemi che rischiano di stravolgere i campionati calcio professionistici e non solo. Soprattutto nelle categorie inferiori, la situazione è sempre più difficile, con delle situazioni che rischiano di diventare drammatiche dal punto di vista sportivo.Ogni estate, nel calcio italiano, si ricrea la stessa situazione

premier league

 

Il mercato in Premier

 

Manca meno di un mese al via della 26^ edizione della Premier League inglese (11 agosto; la Championship invece comincerà la settimana precedente) e i vari club sono ancora sul mercato alla ricerca di qualche elemento utile per meglio definire la rosa.Il Chelsea campione, che, secondo voci, ha in panchina un Conte non molto soddisfatto di ciò che fin qui è stato fatto dalla proprietà, ha visto arrivare Rudiger dalla Roma, Caballero (a zero) per la porta e una miriade di rientri dai vari prestiti. Pesa sul mercato dei Blues il mancato acquisto di Lukaku, passato, osiamo dire 'nottetempo', allo United di Mou; per sostituire Diego Costa serve un 'peso massimo' là davanti ed ora il Chelsea starebbe puntando Morata oppure, più defilato, Belotti del Torino. La strada in uscita è ben più trafficata invece: Aké (Bournemoth), Cuadrado (Juve), Begovic (Bournemouth), Traoré (Lione), Atsu (Newcastle), più una sequela di prestiti in giro per l'Europa. Ha detto addio John Terry, passato all'Aston Villa in Championship.

donnarumma

 

Non facciamoci del male

 

Ora rientrino le polemiche. Donnarumma è il portiere del Milan e va sostenuto senza se e senza ma

renato sanches

 

Milan, chi è Renato Sanches?

 

Il giocatore portoghese in forza al Bayern Monaco, accostato nelle ultime ore al Milan

 

montella

 

Milan, prime impressioni

 

Buona la prima per il Milan di Montella, che nonostante assenze e ritardo di preparazione, si sbarazza facilmente del Lugano. Ecco le prime impressioni sulla squadra

good morning

 

Accadde oggi, 12 luglio

 

Compleanno per Cassano e Vieri. L'incredibile storia di Attila Filkor, 'pupillo' del Condor

 

lugano milan

 

Il Milan riparte da Lugano

 

Subito un test importante per il nuovo Milan. Gara complicata, per testare i nuovi in vista dei preliminari di Europa League. Montella schiera il 4-3-3 e lancia i nuovi.

 

Bernardeschi

 

Altro tradimento in vista per Firenze?

 

Il Milan, squadra per la quale Bernardeschi non ha mai fatto mistero di simpatizzare da bambino, nei mesi scorsi aveva mostrato solo un timido interesse nei suoi confronti senza mai andare oltre

 

Griezmann

 

Griezmann, Gigio ed un caso umano

 

Ieri, curiosando tra i vari siti di sport, m'imbatto in un pezzo intitolato: 'Ecco i dettagli della disfatta di Fassone'. Superfluo specificarne l'autore. Sono righe messe insieme con la solita acredine, col consueto risentimento di sempre, dettagli che conducono all'autore senza pericolo di sbagliarne nome e cognome. Una sequela di inesattezze ed insensatezze talmente grosse da risultare finanche divertenti, ridicole. Non sa più che dire, non sa più a cosa aggrapparsi pur di dire male di questa società. Meritava solo una menzione, nulla di più. Resta il caso umano ma su quello, cristianamente, stendiamo un pietoso velo.

aru froome

 

Una corsa ad eliminazione

 

 Sagan, Demare, Porte, Thomas, Trentin, Valverde, Cavendish, Izaguirre, Durbridge. Sarebbero tutti nomi perfetti come vincitori delle tappe della prima settimana di Tour de france, ed invece sono solo i più illustri "courreurs" per cui la Grand Boucle, per un motivo o per l'altro è già terminata. Un Tour decimato dei suoi partecipanti tra cadute con conseguenze anche piuttosto serie vedi Porte e Valverde, squalifiche per gesti antisportivi vedi Sagan, o per off limits sul tempo vedi

SerieA

 

Serie A 2017/2018: tutte la date

 

Quello che fra un paio di mesi inizierà, sarà un campionato particolarmente lungo e intenso, sempre a 20 squadre e con 38 giornate in programma. Questa stagione, poi,  culminerà con i Mondiali in Russia.Quello che fra un paio di mesi inizierà, sarà un campionato particolarmente lungo e intenso, sempre a 20 squadre e con 38 giornate in programma. Questa stagione, poi,  culminerà con i Mondiali in Russia.

roma-napoli

 

Napoli maturo, la Roma riparte

 

Roma e Napoli, le avevamo lasciate a maggio in lotta per il secondo e terzo posto, a pochi punti dalla capolista Juventus. Oggi, a quasi due mesi di distanza, sono ancora la seconda e terza forza del campionato? E il gap con la Juventus è stato ulteriormente assottigliato? 

good morning

 

Accadde oggi, 11 luglio

 

Quattro compleanni ma nessun incontro ufficiale disputato

 

storia milan

 

Limone al veleno

 

Vincere col trucco. Anche la storia sembra indicare il marchio indelebile del dna nerazzurro

 

good morning

 

Accadde oggi, 10 luglio

 

Un solo match giocato oggi e la sconfitta fu pesantissima

 

storia milan

 

La grande beffa

 

Quando ad un Milanista over 50 dici Verona, lo vedi irrigidirsi. Il motivo sta nel ricordo che andiamo a raccontare

 

rob roy

ROB ROY

Qui è l'epica che conta, è la musica che trascina, sono i costumi raffinati, i nitidi colori, i monti declinanti verso il mare che tolgono il fiato. E' un avvincente spettacolo che può anche contare su attori di prima classe

Nel 1713 in Scozia, Robert Roy McGregor, capo clan, per recuperare mandrie di bestiame rubate per conto del britannico marchese di Montrose è costretto ad uccidere Tam, vecchio compagno di razzie. Per sollevare le penose condizioni della sua gente, chiede ed ottiene in prestito 1000 sterline dal marchese per comprare una mandria da rivendere con profitto. Il fattore di questi, Killearn, ordisce con Archibald Cunningham, uno spadaccino al servizio del nobile, un complotto per sottrarre le 1000 sterline consegnate ad Alan McDonald, amico di Rob, che viene ucciso da Archibald e gettato in mare. Ritenuto responsabile del debito Rob va dal marchese di Montrose, che gli offre il condono se testimonierà contro il duca di Argyll, ritenuto un giacobita...

GENERE : Drammatico
REGIA : Michael Caton-Jones
ATTORI : Liam Neeson, Jessica Lange, John Hurt, Tim Roth, Eric Stoltz, David Brooks Palmer, Gilbert Martin, Vicki Masson, Brian McCardie, David Hayman, Andrew Keir, Brian Cox, Jason Flemyng, Gilly Gilchrist
SCENEGGIATURA : Alan Sharp
FOTOGRAFIA : Karl Walter Lindenlaub
MONTAGGIO : Peter Honess
MUSICHE: Carter Burwell
PRODUZIONE : PETER BROUGHAN, RICHARD JACKSON PER TALISMAN
DISTRIBUZIONE : UIP - MGM HOME ENTERTAINMENT
PAESE : Gran Bretagna
DURATA : 140 Min

 

TRAILER

Scarica (via µTorrent) e guarda gratuitamente il film cliccando QUI

i ribelli d'irlanda

I RIBELLI D'IRLANDA Edward Rutherfurd

Per chi vuole conoscere le vicende d'Irlanda e come si è arrivati all'attuale situazione fra cattolici e protestanti senza studiare testi di storia.

Nel 1597, il dottor Simeon Pincher, illustre predicatore e teologo calvinista, arriva a Dublino dall'Inghilterra per assumere il nuovo incarico al Trinity College da poco fondato e dedicarsi "all'opera di Dio". È convinto che non ci si possa fidare degli irlandesi cattolici. Ma quando, appena messo piede sul suolo dell'isola, viene accolto da un'accidentale quanto violenta esplosione, è proprio un cattolico a soccorrerlo, Martin Walsh. Nella seconda parte della sua saga storica, Edward Rutherfurd riprende la narrazione dal punto in cui l'aveva lasciata ne "I Principi d'Irlanda", alle soglie del diciassettesimo secolo. Attraverso le appassionanti vicende dei Doyle, dei Walsh, dei Tidy e degli Smith siamo guidati nel turbolento periodo della Riforma e della devastante irruzione sulla scena di Oliver Cromwell. Con l'assedio di Drogheda s'inaugura infatti un lungo periodo di predominio protestante, durante il quale i cattolici sono ridotti a sottoclasse e il paese finisce inesorabilmente con l'impoverirsi. Le profonde tensioni, gli odi nazionali e le ansie di libertà segneranno i successivi trecento anni della storia irlandese: dalla fallita rivolta dei contadini nel 1798, ispirata dai principi della Rivoluzione francese, alle sollevazioni guidate dal leader autonomista Charles Stewart Parnell nel secondo Ottocento, fino all'insurrezione di Pasqua dell'aprile 1916 organizzata dal movimento Sinn Féin e alla proclamazione dello Stato Libero d'Irlanda poco dopo la fine della Prima guerra mondiale.

 

 

 

Puoi scaricare gratuitamente il romanzo (formato epub) cliccando QUI

good morning

 

Accadde oggi, 9 luglio

 

Auguri a Di Canio. Inquietante coincidenza invece tra i deceduti.

 

verratti

 

Fuga da Parigi

 

 

Uno strano destino quello del PSG. Il club dello sceicco Al-Thani ha straordinarie disponibilità economiche, 4 ligue1 conquistate negli ultimi 5 anni, (dominio interrotto solo dal recente successo del Monaco), eppure ha un grande problema. Il club parigino infatti, pur avendo in rosa molti campioni, fatica a costruire una squadra di top player. Molti giocatori stanno pensando di lasciare Parigi, diversi giocatori seguiti non accettano la destinazione PSG, un problema non di poco

a testa alta

 

L'italiano esce sempre a testa alta. Forse.

 

Stamattina passeggiavo sul lungolago di Desenzano; faceva molto caldo ma tirava una piacevole brezza dal lago che mitigava leggermente il bollore generale. Mentre osservavo Sirmione che sembrava galleggiare sull’acqua laggiù nella foschia, non m’avvedo di una piccola protuberanza del marciapiede e inciampo: sembravo un pirla qualsiasi che cercava di mantenersi in piedi mulinando le braccia come nemmeno la Pellegrini alle Olimpiadi. Alla fine, è vero, non sono caduto ma le persone che erano lì attorno si sono fatte sicuramente una bella risata; così ho continuato la mia passeggiata ‘facendo finta di niente’. E la prima cosa che m’è venuta in mente è che ne ero uscito a testa alta.

wimbledon 2017

 

Wimbledon 2017, il punto. Fognini spaventa Murray

 

Prima settimana di Wimbledon che va concludendosi senza eccessivi scossoni o sorprese. Wawrinka unica eliminazione illustre, in attesa di Federer e Djokovic. 

raiola

 

Il Mino beffato

 

Raiola aveva fatto bene i suoi conti, peccato che il duo Fassone-Mirabelli...

 

...

aubameyang

 

Aubameyang, si o no?

 

Nonostante Andrè Silva, il Milan tratta un altro super colpo in attacco. Ma è la mossa giusta?

 

Lione

 

Le indimenticabili dimenticate: Milan - Lione 3-1

 

Coupet sembrava un colosso insuperabile e l'unica volta che un preciso colpo di testa lo superava ecco pronto un difensore a spazzare sulla linea di porta

 

good morning

 

Accadde oggi, 8 luglio

 

Auguri ad Abbiati. E' di oggi l'ultima rete del 5° cannoniere rossonero di sempre, Aldo Boffi.

 

Fantozzi

 

Colpa d'Alfredo...O del Rag. Ugo?

 

Ci sono avvenimenti nella vita di ognuno che si sfiorano. E mentre si sfiorano ci sembrano così diversi che per scappare da uno pensiamo all’altro e viceversa. Contorto ? Si, come sempre . Ma l’esplosione di lacrime (mie lacrime) che ha accompagnato il più grande momento musicale nella storia del mondo con il ritrovo di quasi 300.000 amici di Vasco Rossi si scontra a distanza di poche ore con la morte di Paolo Villaggio, che come prima reazione mi ha strappato una sontuosa ed idiota risata.

Kalinic e Belotti

 

Meglio un Kalinic a 20/25 o un Belotti a 80?

 

Un Belotti o un Aubameyang rischiano, anche solo per l'investimento fatto, di fare ombra a quello che deve diventare il nostro top player in pectore: Andrè Silva

 

 

spalletti sabatini

 

Inter, mercato da interpretare

 

Un mercato strano quello dell'Inter. Almeno sin qui. 

Partito con la volontà (o l'obbligo) di vendere un big (Perisic?), Sabatini ha virato poi sull'affare "creativo" Skriniar per aggirare i vincoli del fai play finanziario. Super valutazione di Caprari e con l'aiuto di Giulini e del Siviglia, per Banega, sono arrivati i 30 milioni di plusvalenze utili per il piano con l'Uefa.

Canada

 

F1: via al Gran Premio di Austria

 

I piloti della Formula 1 tornano in pista sul circuito 'Red Bull Ring' per il Gp d'Austria , nona prova del campionato mondiale 2017. Dopo l'ultima folle gara di Baku, con il contatto Vettel-Hamilton e il trionfo di Ricciardo, si prennuncia di nuovo un duello infuocato tra Ferrari e Mercedes, con il pilota della Rossa deciso a difendere la sua posizione alla guida alla classifica.

kucka

 

Ciao trattore

 

Il centrocampista saluta tra le lacrime dopo soli due anni passati a Milanello

 

Fassone

 

Perchè Fassone ha prevalso su Raiola

 

Il lavoro da Richelieu di Marco Fassone ha sortito l'effetto primario di spostare gli orientamenti della famiglia del ragazzo (il padre in primis) che hanno così agito in maniera fattiva sugli umori e gli orientamenti di Gigio.

 

good morning

 

Accadde oggi, 7 luglio

 

Compleanno per Lorenzini e Aquilani. La breve storia di Azaghi.

 

Bertolacci

 

Un giocatore non da Milan

 

C'è una dimensione per tutto e per tutti e quella di Andrea Bertolacci ha sede in provincia, in campi dove la pressione è minore e dove l'affetto dei tifosi attenua lo stress delle gare

 

Vidal

 

Un cileno per il Milan?

 

I tedeschi oggi non chiedono meno di 40M, dunque servirebbe un sacrificio importante da parte della società non solo in termini di cartellino ma anche di ingaggio

 

Milan

 

Meglio un Top o completare la rosa?

 

Fassone nella conferenza di presentazione della nuova stagione ha dichiarato che il Milan possiede ancora un budget importante per il mercato

 

edit Piero

 

Bene Milan, ma ancora non basta!

 

Il voto da dare a Fassone e e Mirabelli dipenderà dalla campagna acquisti ma anche dalle cessioni.

 

fassone donnarumma

 

Rinnovo Donnarumma, assicurazione di sostentamento

 

La plusvalenza derivante da una futura cessione del portiere rossonero rappresenta quel paracadute nelle mani di Fassone, se l'obiettivo Champions non dovesse essere c'entrato già quest'anno

 

good morning

 

Accadde oggi, 6 luglio

 

Tre le partite disputate il 6 luglio: una sconfitta, una vittoria ed un pareggio

 

scudetto

 

Scudetto (im)possibile?

 

Sognare lo scudetto è davvero utopia o c'è davvero qualche speranza?

 

Kjaer

 

Kjaer, un centrale di scorta

 

Fassone e Mirabelli sono alla ricerca di un centrale esperto ed affidabile da poter affiancare al duo titolare Musacchio e Romagnoli

 

mastour

 

La parabola di Mastour

 

Da presunto fenomeno a svincolato. Finisce la storia tra il Milan e Mastour

 

Donnarumma

 

Donnarumma, il peso dei soldi!

 

In caso di rinnovo il Milan riuscirebbe ad evitare il danno economico di perdere un possibile top player a parametro zero tra un anno

 

Bacca

 

Lo spiffero: il vero prezzo di Bacca

 

Sul piano contabile il Milan sa bene che per non andare in minusvalenza il giocatore va ceduto a 18 milioni di euro. 

 

 

rizzoli

 

Rizzoli, era ora

 

E' notizia di ieri: Nicola Rizzoli non arbitrerà più. I sospiri di sollievo, sono consentiti.

Dopo 15 anni di Serie A, una finale del Mondiale (2014) ed una finale di Champions (quella tra Bayer e Borussia), l'ex fischietto di Bologna sarà il nuovo designatore degli arbitri della massima serie italiana prendendo il posto di Messina.

good morning

 

Accadde oggi, 5 luglio

 

Oggi chiuse la carriera Fabio Cudicini, il 'Ragno Nero'

 

Montella

 

Montella: è l'uomo giusto per il nuovo Milan?

 

Sarà importante che il tecnico milanista dimostri una maggiore duttilità tattica, deviando ogni tanto dal 4-3-3 che è il sistema che rimarrà, comunque, quello di base

 

Sacchi

 

Arrigo, il sacchismo ed il suo unico erede

 

Per sacchismo intendo tutti quei seguaci di Sacchi che hanno mandato a memoria le sue nozioni senza comprenderne l'anima.

 

I sorpassi che non bruciano

 

I sorpassi che non bruciano

 

E siamo sempre lì... Quando una mosca è bianconera o nerazzurra, viene descritta come fosse un elefante. Quando invece un elefante è rossonero... è solo una mosca.
Giorni fa la Gazzetta dello Sport, sorella nerazzurra del TuttoSport bianconero, sparava un titolone "Pellegri, è sorpasso Inter! Milan bruciato"
Bene, anche se svenarsi per un sedicenne... ma non ci dicono che Donnarumma deve ancora dimostrare tutto? OK, comunque prendiamo atto del "sorpasso" e della relativa bruciatura.
Ora però, a proposito dell'elefante e della mosca, vediamo un po'...

...

Biglia

 

Regista, a tutta dritta

 

Il tecnico milanista chiede ancora due pedine fondamentali per il suo gioco. La punta di manovra (Kalinic su tutti) e soprattutto il regista da piazzare davanti alla difesa. 

 

amichevoli

 

Estate 2017, si parte! Il calendario delle amichevoli

 

Luglio è iniziato e con lui iniziano a radunarsi le squadre impegnate nella prossima stagione di Serie A. E con i ritiri, iniziano anche le prime amichevoli e le tournèe in giro per il Mondo. 

Diamo un occhiata a quello che ci aspetta in questo caldo mese di luglio.

Calhanoglu

 

Ecco chi è Hakan Çalhanoğlu

 

Arriva dal Bayer Leverkusen per 20 milioni di euro più bonus. Per lui 4 anni di contratto. E' il sesto colpo del nuovo Milan

 

Villaggio

 

Villaggio o Fantozzi?

 

Abbiamo amato più Fantozzi di Villaggio, questa è la realtà

 

good morning

 

Accadde oggi, 3 luglio

 

Tre vittorie, tra cui un derby in finale di Coppa Italia, ed una sconfitta per i nostri colori il 3 di luglio

 

milan

 

Dove può arrivare questro Milan?

 

Mercato scoppiettante a cui manca ancora qualche tassello. Ma i tifosi iniziano a sognare

 

la verità sta in cielo

LA VERITA' STA IN CIELO

Basandosi sulle sole circostanze appurate, sui dossier processuali, sulle testimonianze e sui fatti noti e confermati, il regista Roberto Faenza mette in scena il rapimento di Emanuela Orlandi
Il 22 giugno 1983 una ragazza di 15 anni, Emanuela Orlandi, sparisce dal centro di Roma e non farà più ritorno. E' figlia di un commesso pontificio e ben presto si capisce che la sparizione coinvolge diversi poteri forti, dal Vaticano alla Banda della Magliana fino a Mafia Capitale. La sua scomparsa è l'occasione per raccontare la piramide omertosa che da quel momento metterà in ginocchio la capitale. Una vicenda con scabrose ramificazioni ancora attuali in un tessuto tipicamente italiano che coinvolge politica, criminalità organizzata e una parte della Chiesa. E' da 30 anni che questa storia attende di essere raccontata.

GENERE : Drammatico
REGIA : Roberto Faenza
ATTORI : Riccardo Scamarcio, Maya Sansa, Greta Scarano, Valentina Lodovini, Shel Shapiro, Luciano Roffi, Tommaso Lazotti, Alessandro Bertolucci, Giacomo Gonnella, Alberto Cracco
SCENEGGIATURA : Roberto Faenza
FOTOGRAFIA : Maurizio Calvesi
MONTAGGIO : Massimo Fiocchi
MUSICHE: Teho Teardo
PRODUZIONE : Jean Vigo Italia con Rai Cinema, prodotto da Elda Ferri
DISTRIBUZIONE : Jean Vigo Italia con Rai Cinema, prodotto da Elda Ferri
PAESE : Italia
DURATA : 94 Min

 

TRAILER

Scarica (via µTorrent) e guarda gratuitamente il film cliccando QUI

corsair

101 MISTERI E SEGRETI DEL VATICANO di  Claudio Rendina

101 misteri e segreti del Vaticano che non ti hanno mai raccontato e che la Chiesa non vorrebbe farti conoscere

Cardinali corrotti e vescovi mondani, banchieri e faccendieri, ladri e assassini, preti pedofili e cortigiane, e perfino antipapi. Sono questi i protagonisti degli innumerevoli segreti che la storia ufficiale del Vaticano da sempre cerca di occultare. Tra le Mura Leonine si nascondono verità scioccanti e in gran parte ancora sconosciute: gli scandali finanziari (IOR, Banco Ambrosiano, i finanziamenti a Solidarnosc, i rapporti con la Banda della Magliana) e sessuali (porporati assassinati in casa di prostitute, i troppi casi accertati di pedofilia), i legami con i poteri occulti e la massoneria, la finta beneficenza per coprire prestiti e usura, il mercimonio degli annullamenti in Sacra Rota. Ma all’ombra di san Pietro si sono consumati anche efferati delitti e morti inspiegabili, dall’omicidio del capo delle guardie svizzere Estermann alla scomparsa, ancora avvolta nel mistero, di papa Luciani. Claudio Rendina, grande esperto di Storia della Chiesa, mette in luce i retroscena della Curia e della vita in Vaticano, concentrandosi in particolare sugli ultimi quattro papi, da Paolo VI a Benedetto XVI. Cinquant’anni di pontificato in cui si sono verificati una serie di scandali che hanno scosso la Chiesa di Roma dalle fondamenta.

 

 

Puoi scaricare gratuitamente il romanzo (formato epub) cliccando QUI

good morning

 

Accadde oggi, 2 luglio

 

Nel 1890 nacque Amedeo Varese, autore, nel 1919/20, di 23 gol in 18 partite

 

Bacca cuadrado

 

Porte girevoli in Colombia 

 

Dopo l'estinzione della colonia brasiliana potrebbe nascerne una colombiana. Ma per un colombiano che entra potrebbe esserci uno che esce

esordiente

 

La perversione del doping

 

 

La follia, quella pura. L'ultimo confine del doping, non solo oltrepassato ma semplicemente disintegrato. Immagino l'incredulità degli analisti della Nando Italia nel momento in cui hanno dovuto prendere atto della positività del ciclista di 14 anni al Mesterolone. E' un record, mai trovato dopato un atleta più giovane.

E la cosa è davvero raccapricciante, perchè se fosse stato un professionista sarebbe un caso passato in archivio come tanti altri. Si tratta di persone adulte, che

perle

 

E così, Zamparini resta. Baccaglini s’è dimostrato un bidone da leggenda, uno buono solo a fare le gare di puzzette nelle cuccette dei treni con il Geom. Calboni, affetto da ‘ventilatio intestinalis putrens’. Povero, vecchio Zampa; ci aveva creduto fino all’ultimo giorno, ignorando chi gli diceva ‘Guarda che quello ti prende per il culo’ (cioè tutti). Per lui niente Suning, con gli integerrimi cinesi nerazzurri che s’inventano manovre contabili per contrastare il FPF come un italiano qualunque (forse per questo hanno chiamato Sabatini, uno che ci sa fare e per giunta italiano); per Zampa niente misteriosi cinesi rossoneri, quelli che sono senza il becco di un quattrino ma che fino ad ora hanno speso  più di tutti sul mercato, evidentemente barattando cineserie con giocatori. 

Però, nel frattempo, l’amico Preziosi, quatto quatto, ratto ratto, ha sbolognato il suo Genoa, si dice, ad un imprenditore straniero: venuto a mancare (nel senso buono s’intende) l’amico Galliani, s’è visto aprire una botola sotto i piedi e solo per un pelo non vi è precipitato. Ci ha pensato l’Inter, con Pellegri e l’altro, a tenerlo in vita, a patto però che si comprasse un Ranocchia, un Biabiany per levargli le castagne dal fuoco. Una mano lava l’altra. L’avesse fatto il Milan, ora Santoro sarebbe in diretta tv a reti unificate con Travaglio ospite e Saviano in collegamento da un posto segreto vicino alla spiaggia col fior di fragola che gli cola fra le dita.

E Poli? ‘Ho seguito il Bologna tutta la stagione’: ecco dov’era finito! Ma benedetto ragazzo, dirlo prima no eh? Noi a cercarti ovunque e quando l’altoparlante di S. Siro scandiva il tuo nome per l’ingresso in campo, noi ci chiedevamo dove caspita fosse quel bel ragazzotto che incespicava da solo sui campi della Serie A. Seguiva il Bologna, lui. Ma te pensa.

Romagnoli s’è visto hackerare il suo profilo su Instagram; una sfiga per certi giocatori rossoneri in questo periodo che non ti dico. Le solite malelingue, invece, fanno trapelare che non è in arabo quel che era scritto sul profilo ma erano post di Mino Raiola nel suo idioma che chiedeva a Romagnoli se in vacanza aveva incontrato anche lui gende violende.

Ma la perla del giorno è di Percassi, il presidente dell’Atalanta. Sono settimane che fa muro alle richieste del Milan per Conti, sparando cifre da capogiro ed insistendo che il suo giocatore sarebbe rimasto all’Atalanta anche per la prossima stagione. Oggi, in una intervista a Sky, però ha tenuto a precisare: ‘La volontà del ragazzo è quella di andare assolutamente via e andare al Milan’. Campane a distesa in tutta la pianura Padana. Cioè, è da maggio che l’agente del ragazzo va e viene da Casa Milan, che dichiara che Conti vuole solo il Milan, che non vede l’ora di andare al Milan, che è già d’accordo col Milan, che è disposto a restare fermo se non lo fanno andare al Milan! Cosa c’era di così ostico da comprendere? Mistero.

In chiusura, una news delle ultime ore: Mino Raiola ha formalmente richiesto che il prossimo calciomercato abbia sede a Castellamare di Stabia, a casa Donnarumma.

 

Hitler

 

Una sentenza disumana

 

E' giusto che un tribunale decida per qualcuno che non può decidere, sottraendo questa facoltà ai genitori del bambino?

 

desciglio

 

De Sciglio, cosa fare?

 

In caso di mancato accordo, c'è il rischio di perdere a zero il terzino rossonero

 

 

 

wimbledon

 

Wimbledon 2017: riapre il tempio del tennis

 

Tutto pronto a Londra per il massimo torneo di tennis continentale. Federe alla ricerca dell'ottavo titolo. Nadal, Murray e Djokovic tentano di fermarlo. Lotta serrata e incerta in campo femminile.

storia milan

 

Le indimenticabili dimenticate: Milan - Napoli 2-1 93/94

 

Più di 63 mila spettatori quella sera i quali, dopo nemmeno dieci minuti, trattennero il fiato perchè in uno scontro fortuito Pecchia sembra mettere KO Baresi

 

MD in your language

Flash news

AMARCORD


Cerca in MD

unforgettable

 

 

LIVE STREAMING

 diretta streaming disponibile 10 minuti (circa) prima dell'inizio gara QUI 

QUI per il Disclaimer Streaming MD .


UTILITY

x STREAMING

Web player (ok)

Sopcast (scarica)

Acestream (scarica)

FILM DOWNLOAD

μTorrent (scarica)

3^ PAGINA

Milan e Milanista
Come eravamo
Storie RossoNere
RossoNeri
Maglia
click and go!

Su questo sito usiamo i cookies, anche di terze parti. Navigandolo accetti.